HOME CHI SIAMO FINALITA' COSTITUZIONE NEWS STUDI CONTATTI



 

POESIE

 

Rami d’acacia

 

Ieri, sotto il cielo stellato,

illuminato da una candela accesa,

si udiva il Silenzio

di passi cadenzati.

Le Sofie scendevano lente,

prendendo forma

di attrezzi muratori.

Attendevano innamorate

l’Architetto e i suoi Operai,

mentre  la pietra si preparava,

plastica al disegno.

Oggi, piove

sullo scalpello rumorosamente muto

come il mazzuolo, la livella, il filo a piombo,

muti anche la leva ed il regolo;

così pure la cazzuola

e  la squadra e il compasso.

Piove dagli occhi degli operai,

muti pure essi,

perduta è la parola.

Solo il vento sussurra

tra i rami d’acacia.

 

31 marzo 2011

 

 

Memoria

 

Sono spariti i simulacri degli dei,

sono rimaste le statue.

Un tempo i fiori morivano,

compiuto il sacrificio;

oggi appassiscono

cercando a capo chino

un senso.

 

31 marzo 2011